Covid-19

Covid-19: Estate 2020 vs Estate 2021

Esiste un sito che offre gratuitamente le statistiche aggiornate sulla diffusione e le conseguenze del Covid-19. Il sito è OurWorldInData.org e ho notato che molti giornali e siti online lo usano come riferimento per i loro grafici e le loro statistiche. I dati pubblicati riguardano tutti i paesi del mondo, sono aggiornati quotidianamente e sono scaricabili in diversi formati.

Ero curioso di confrontare i dati della prima estate di Covid-19, quella dell’anno scorso, con quelli di questa estate, così ho scaricato il file dei dati in formato csv, l’ho importato in un file Excel ed ho disegnato dei grafici.

L’anno scorso si era arrivati a maggio dopo un lockdown di tre mesi, non c’erano ancora i vaccini a disposizione e si era verificato un progressivo allentamento delle misure di sicurezza. Al maggio di quest’anno si è arrivati invece dopo un inverno di chiusure e restrizioni più o meno severe a seconda della zona e del periodo, con l’inizio della distribuzione massiva del vaccino, con la diffusione di alcune varianti del virus e con l’introduzione del green pass il 7 agosto.

 

I dati e i grafici

I dati dei primi giorni di agosto in Italia sono:

  Nuovi casi 2020 Nuovi casi 2021

Ricoveri 2020

Ricoveri 2021 Morti 2020 Morti 2021
1 maggio 1965 12964 19147 20903 269 226
1 giugno 200 2483 6523 7181 60 93
1 luglio 182 879 1112 1761 21 21
1 agosto 295 5320 748 2184 5 5
2 agosto 238 3185 750 2319 8 20
3 agosto 159 4841 775 2454 12 27
4 agosto 190 6590 802 2569 5 21
5 agosto 384 7224 805 2677 10 27
10 agosto 259 5624 825 3202 4 31
15 agosto 629 5661 819 3546 158 19
25 agosto 876 7539 1124 n.d 4 59
26 agosto 1366 7215 1124 n.d. 13 43
27 agosto 1409 7823 1198 n.d. 5 45

 

I grafici seguenti confrontano i dati, in Italia, dei mesi di maggio, giugno, luglio e agosto 2020 con quelli degli stessi mesi del 2021.

Le tre misure prese in considerazione sono:

  • I nuovi casi di Covid-19.
  • I ricoveri per Covid-19.
  • Le morti attribuite al Covid-19.

Il numero di casi di covid nel 2021 è molto maggiore rispetto a quello del 2020, le domande che sorgono guardando il grafico sono:

  • Le nuove varianti si propagano molto più facilmente delle altre?
  • Le misure di prevenzione attuate nel 2021 sono meno efficaci di quelle attuate nel 2020?
  • Il livello di attenzione delle persone è diminuito nel corso del tempo?

 

Il numero di ricoveri del 2021 è paragonabile a quello del 2020 nonostante un numero molto maggiore di contagiati, le possibili cause potrebbero essere:

  • Le nuove varianti si propagano più velocemente ma sono meno aggressive ?
  • Una parte delle persone infette hanno già avuto il Covid in precedenza e quindi hanno dei sintomi meno gravi?
  • La presenza di un numero sempre maggiore di vaccinati comporta che il virus si manifesti in modo meno grave?
  • Si conosce meglio il virus e si preferisce curare le persone a casa piuttosto che in ospedale?
  • Sono state messe a punto cure efficaci per combattere il virus?

Ad agosto però il numero dei ricoverati del 2021 inizia a essere maggiore di quelli del 2020, questa cosa solleva altre domande:

  • Se il vaccino è efficace come mai nel momento in cui si è raggiunta una copertura vaccinale di oltre il 70% della popolazione i ricoveri aumentano invece che diminuire?

 

Le considerazioni relative al grafico dei morti sono simili a quelle del grafico delle ospedalizzazioni.

 

Considerazioni

Credo che queste siano le domande alle quali gli esperti, che ogni sera vediamo in televisione, dovrebbero rispondere.

Queste sono le cose che dovrebbero spiegarci per giustificare i provvedimenti che sono proposti al Governo.

Una corretta informazione potrebbe creare un clima di collaborazione e di distensione che in questo momento non c’è.

Molte delle imposizioni cui siamo sottoposti non sono giustificate alla luce dei dati di questi grafic

 

Efficacia del vaccino

Anche le statistiche che riguardano le vaccinazioni e l’efficacia del vaccino sono molto importanti. Secondo un report dell’Istituto Superiore della Sanità (ISS): “La maggior parte dei casi notificati negli ultimi 30 giorni in Italia sono stati
diagnosticati in persone non vaccinate. Si osserva una forte riduzione del rischio di infezione da virus SARS-Cov-2 nelle
persone completamente vaccinate rispetto a quelle non vaccinate (80% per la diagnosi, 94% per l’ospedalizzazione, 96% per i ricoveri in terapia intensiva e 97% per i decessi).” Sembrerebbe quindi che i vaccini siano efficaci e che rendano meno probabili le infezioni e che rendano più lieve il decorso della malattia. [5]

Al 29 agosto 2021 il numero di persone che hanno completato il ciclo vaccinale (2 dosi, quando richieste) in Italia è di 37.378.538 ossia il 69,9% della popolazione over 12. [6]

 

Possibili sviluppi e approfondimenti

Sarebbe interessante applicare la legge di Benford per verificare l’attendibilità di questi dati. Magari potrei farlo nei prossimi giorni.

 

 

Fonti e riferimenti

 

12 months ago

Leave a Reply

Your email address will not be published.


CAPTCHA Image
Reload Image